Archivi categoria: Short stories

Tradizione

Il Cristo raccomanda alla Bossis di servirsi delle indulgenze: come, ogni giorno, bisogna spolverare i mobili, così occorre togliere la polvere dell’anima. Bellezza della tradizione: ha sempre un senso che sfugge ai modernismi del momento.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 1 commento

Il passato

A volte siamo più realisti del re: ci maceriamo nel ricordo del passato, che appesantisce il cuore. Gesù dice a Gabrielle di evitare questo errore, di gettarsi fiduciosa, così com’è, spontaneamente, tra le Sue braccia, per gustarne la gioia. E … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 3 commenti

Pensieri

La vita dipende dai pensieri, dicevano i Padri. Per questo raccomandavano di chiedere sempre: sei dei nostri o sei dell’avversario? Anche il Cristo dice alla Bossis: abbi solo bontà nei tuoi pensieri, i tuoi atti saranno migliori. È quella che … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 5 commenti

Fede

Le nostre preghiere, spesso, sono inutili, perché mancano di fede: moltiplichiamo le parole, ma come se non fossero udite. Gesù ascolta ed esaudisce, a modo suo, per vie misteriose. Chiediamo innanzitutto la fiducia: ne basta pochissima, come insegna il Vangelo.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 3 commenti

Il Padre

Siamo un po’ intimiditi dal Padre. Lo confida Gabrielle a Gesù, il Figlio per antonomasia. Il quale la rassicura: tutto ciò che il Figlio ha fatto, lo ha voluto il Padre. Chi è amico del Figlio, chi lo ama, ama … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 3 commenti

Il pensiero di Cristo

La sindrome di Marta è l’affannarsi per molte cose. È una forma di mondanità. Gesù dice a Gabrielle di prestare attenzione a questo rischio, di non tornare al mondo se diventa mondana, perché non avrebbe più il Suo pensiero. Noi … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 4 commenti

Semplice

Gesù insiste molto con Gabrielle sul fatto di rivolgersi a Lui in semplicità. Pensiamo, spesso, di doverlo fare con un linguaggio mediato, in forme preconfezionate. Ci convinceremo del contrario, prima o poi: Gesù tiene più di quanto immaginiamo al nostro … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 4 commenti

Nonostante

Gabrielle è in un bar, e Gesù le chiede di dire un Padre nostro: sarà il solo, aggiunge, che si dirà qui per molto tempo. Povero Dio, così dimenticato. C’è da stupirsi che ci ami ancora, nonostante.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 3 commenti

Sanità

Le azioni compiute con l’intenzione di salvare anime, salvano anime. Così il Cristo alla Bossis. Fatichiamo a capire la Sua logica: folle, per la filosofia di questo mondo, sanissima, per l’altro.

Pubblicato in Catechesi al Santuario del Divino Amore, Short stories | Contrassegnato , | 4 commenti

Il Centro

Gesù vuole l’escusiva: nessuno deve fargli ombra. Che pretese, potremmo obiettare. In realtà, solo se il centro della persona è Lui la nostra vita ha un senso. Altrimenti, saremmo in quel paese lontano in cui il figlio prodigo sperimenta la … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 4 commenti

Eternità

Per Gesù non c’è niente d’insignificante: ogni piccola azione quotidiana, se offerta a Lui, diventa un grano nel grande rosario dell’eternità.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 4 commenti

Il cammino

Il Cristo rivolge alla Bossis la domanda delle domande: mi ami tu? Il cammino dell’uomo porta a questo: desiderare Dio. Lottare contro i vizi, attaccare i difetti, combattere ogni giorno la buona battaglia della fede, permette di approdare al porto … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato , | 4 commenti

Adorazione

A chi pensiamo di più? A noi o a Dio? Da questo si capisce quale sia la nostra divinità, dice il Cristo alla Bossis. Non fa una piega: prostrarsi in adorazione davanti a sé stessi è la misura del nostro … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 2 commenti

Di troppo

Pensiamo che ci siano momenti in cui dobbiamo congedare Gesù: se abbiamo, per esempio, un pranzo o una cena con gli amici. Gesù dice a Gabrielle di tenerlo con sé: Lui è stato anche cordiale, conviviale; ha accolto sconosciuti che … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 2 commenti

Far crescere

Gesù dice a Gabrielle di seminare il Suo Nome dappertutto, senza timore. Il mondo vuole farlo sparire, ma è Lui che serve agli uomini, alle donne. Vogliono cancellarlo perfino, aggiunge, dall’anima dei bambini. Noi seminiamo, sarà Lui a far crescere.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 3 commenti

Facile

Gesù raccomanda a Gabrielle di sorvegliare bene i pensieri del cuore, perché quel che abbiamo in cuore arriva presto alle labbra. Con Lui sembra tutto facile ma, se lo ritiene possibile, vuol dire che è vero.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 4 commenti

Cuore a cuore

Per Gesù non è importante cosa gli diciamo, ma semplicemente che parliamo con Lui. È il cuore a cuore che conta, dice a Gabrielle. Ci vuole tanto?

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 2 commenti

Coscienza

Gesù è venuto sulla terra, e ne hanno fatto quello che hanno voluto; è venuto nell’Eucaristia, e ne hanno fatto quello che hanno voluto. Lo farà fino alla fine dei tempi, per amore. Così dice a Gabrielle. E noi siamo … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato , | 3 commenti

Servire Dio

Una giornata ha senso se si serve Dio. Quando sarà chiaro alla coscienza? Certa teologia vorrebbe cancellare la verità dei cosiddetti meriti, ma Gesù dice a Gabrielle: il merito, e anche l’onore e il privilegio, stanno tutti nel servire Dio. … Continua a leggere

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 2 commenti

Impareremo

Gesù vuole che ci confidiamo con Lui come con l’amico più caro. Che gli parliamo di tutto, anche di piccole cose. Così dice a Gabrielle. Prima o poi impareremo.

Pubblicato in Short stories | Contrassegnato | 1 commento