Rinascere (Mc 13, 24-32)

da qui

Annunci

Informazioni su fabrizio centofanti

E’ laureato in Lettere moderne con una tesi su Italo Calvino. Prima della vocazione sacerdotale è stato collaboratore di Mario Petrucciani nella cattedra di Storia della letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università La Sapienza di Roma. Numerosi suoi saggi e recensioni sono stati pubblicati in quegli anni su “Letteratura italiana contemporanea”, Rivista quadrimestrale di studi sul Novecento, diretta da Giorgio Petrocchi e Mario Petrucciani e “La Discussione”. Suo un saggio su Leopardi e Rebora inserito nella raccolta di Atti del convegno di Ancona sull’autore di Recanati, dal titolo Leopardi e noi. La vertigine cosmica. Edizioni Studium, a cura di A. Frattini, G. Galeazzi e S. Sconocchia. Ha partecipato a diversi convegni letterari fino al giorno in cui è entrato in seminario. E’ sacerdote diocesano a Roma dal 1996, parroco dal 2005. Ora opera al Santuario della Madonna del Divino Amore, nel campo della spiritualità e dell’approfondimento della sacra scrittura. Studioso dei vangeli, tiene da molti anni una Lectio divina settimanale. Ha pubblicato: - un volume su Calvino (Italo Calvino. Una trascendenza mancata. Istituto Propaganda Libraria, 1993. (Nel 25° anniversario della morte è uscito per i tipi della Clinamen.) - uno su Rebora (Il segreto del poeta. Clemente Rebora: la santità che compie il canto. L’immagine interiore dagli appunti sul messale, Milano, Istituto Propaganda Libraria, 1987) - numerosi saggi e articoli di natura letteraria. - Le parole della felicità, edito dalla Laurus Robuffo, 2005. - il libro di racconti Guida pratica all’eternità, Effatà editrice, Torino, 2008. - Pret(re) à portér, Effatà, 2010. - Non superare le dosi consigliate, Effatà, 2011. Nel 2011, la casa editrice Effatà ha pubblicato il primo romanzo, Ecco l’uomo. Il secondo, del 2012, Nessuno è più importante di te, è uscito con Amazon. Un saggio su Rebora si trova in Marino Magliani, Il magazzino delle alghe, Eumeswil 2010. Ha pubblicato, nel 2012, il volume di poesie Nomen omen. Con Clinamen ha pubblicato, nel 2012, il romanzo E’ la scrittura, bellezza! Per Effatà, nel 2012, il romanzo Stelle. Per Clinamen, nel 2013, il romanzo Yehoshua. Per Effatà pubblica ancora, nel 2013, Salva L'anima e Il Vangelo come non l'avete mai letto. E’ tra i fondatori della rivista “L’Attenzione”. E’ fondatore, insieme con Franz Krauspenhaar, del blog collettivo La poesia e lo spirito (http://lapoesiaelospirito.wordpress.com), dove attualmente scrive. Le omelie sono raccolte nel blog Gesù per atei.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Rinascere (Mc 13, 24-32)

  1. ema ha detto:

    La nostra fede ci insegna che nella grotta avvengono le cose più straordinarie: ieri abbiamo ascoltato meravigliose parole si salvezza per rinascere ancora una volta.

  2. E’ vero, anche io come Ema, cercherò di mettercela tutta per far si che nel mio deserto Dio possa aiutare a dissetarmi, per rinascere e salvare insieme a me i miei cari.
    Lo spero tanto tanto.
    Grazie Fabrizio che bel regalo ci hai fatto: ecco la nuova chiesa per cui tu tanto combatti.
    Un grande abbraccio.
    Ernestina.

  3. vale ha detto:

    Come sempre, una emozione unica dettata dal Vangelo, dal luogo e dalla tua omelia, grazie!

  4. bioraffaella ha detto:

    Ho sempre pensato che gli angeli siamo noi ,il problema è che non ce ne rendiamo conto perché ci siamo dimenticati come si fa a volare. Ed il Vangelo è l’ unico mezzo che ci aiuta a ricordare … se solo stessimo con l’ orecchio attento per poterlo ascoltare

  5. M&C ha detto:

    Sono partita per questo pellegrinaggio con mille aspettative e mille intenzioni.
    Ma, come al solito, il Signore, mi ha sorpreso e, passando anche attraverso queste tue parole don, anche quelle della lectio e della via crucis, mi ha riservato molto più di quello che speravo possibile: ho trovato, anzi ritrovato, la mia Stella del mattino, ho avuto la conferma che c’è sempre stata, fina dal primo momento che a Lei mi sono veramente affidata.
    E con la Stella, anche un alleato formidabile, un angelo potente ed umile allo stesso tempo: quanto abbondanza!
    Grazie don, per questi preziosi momenti, commoventi, belli, faticosi ed importanti allo stesso tempo, che mi hanno fatto ritrovare tanta gioia e serenità.

  6. M&C ha detto:

    momento “in cui”… scusate!

  7. sancarlo2010 ha detto:

    Reblogged this on Parrocchia San Carlo da Sezze and commented:
    In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «In quei giorni, dopo quella tribolazione,
    il sole si oscurerà,
    la luna non darà più la sua luce,
    le stelle cadranno dal cielo
    e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
    Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
    Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
    In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
    Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre».

  8. come ringraziarvi!
    intanto con un grande abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...